Chiese e luoghi di culto

Chiesa San Giacomo

Descrizione

Fin dall'origine la chiesa di San Giacomo fu legata alla confraternita penitenziale dei Battuti, che la costruì e la mantenne fino all'età napoleonica. Il primo luogo di culto fu eretto nel 1432, ma nulla ne resta.

Sappiamo però che a poco a poco cominciò a svilupparsi la devozione alla Vergine addolorata, testimoniata ancora dalla statua della Pietà nella nicchia dell'altare, che risale al XVII secolo.

Soppressi i Battuti, nel corso del XIX secolo la chiesa fu oggetto di molti lavori di ristrutturazione che ne mutarono radicalmente l'aspetto, a cominciare dalla costruzione, nel 1836, dell'attuale facciata classicheggiante. Tra il 1868 e il 1900 agli scledensi Valentino Pupin e Tomaso Pasquotti furono commissionate le otto tele delle pareti laterali dell'aula: i Dolori della Vergine (sette tele) e quella con l'Incoronazione della Vergine (lungo le pareti dell'aula). Opera degli stessi artisti è la decorazione generale dell'edificio.

L'unico altare presente è un rifacimento del 1880 che recupera dell'altare secentesco solo lo splendido paliotto intarsiato (notare la Pietà in un trionfo di fiori e frutti e i due vasi laterali) e il contorno della nicchia lungo la quale sono raffigurati in intarsio i quindici simboli della passione di Cristo, opere entrambe di Domenico Corberelli (1682). Dell'antica chiesa rimangono ancora poche e preziose testimonianze: la tomba terragna dei Battuti, davanti alle scale del presbiterio, e, sopra la bussola della porta, l'antica pala dell'altare dipinta dallo scledense Zambon Zamboni (1642). L'edificio è stato totalmente restaurato tra il 1999 e il 2000.

Usciti dalla chiesa e percorso il corridoio coperto, appare il piccolo loggiato (restaurato negli anni Cinquanta), unico resto del complesso ospedaliero dei Battuti. A due piani, nella fascia inferiore si aprono tre archi a tutto sesto sostenuti da sei colonne tuscaniche; la loggetta superiore, invece, è architravata. A lato della chiesa, infine, si eleva l'aguzzo campanile, eretto nel 1602 e ancor oggi il più alto della città di Schio.

Correlati

Chiese e luoghi di culto
Santuario di S. Giuseppina Bakhita e Mostra permanente

Chiesa famosa perchè conserva le spoglie di santa Giuseppina Bakhita,...

Chiese e luoghi di culto
Chiesa di San Francesco

La Chiesa di San Francesco fu costruita nel 1424 da...

Nelle vicinanze

Pasticcerie
Pasticceria Sbabo

Pasticceria

Cuore di Schio
Piccoli Passi Calzature

Piccoli Passi Calzature

Schio con Gusto - Enogastronomia
Al Leoncino

Bar Ristorante in centro storico

Cuore di Schio
Strobbe Sport

Strobbe Sport

Cuore di Schio
Stella Più

Stella Più

Pizzeria - Ristorante
Al Leoncino

Ristorante

EVENTO IN EVIDENZA
In corso
Incontri
Ciclo di incontri d'autunno - Centro di Cultura Card. Elia Dalla Costa

Valori di Impresa: Innovazione, Sostenibilità, Competitività

Data Evento
Inizio: 07 ott 20:30
Fine: 28 ott 22:30
Teatro Civico - Sala Calendoli, Schio