Chiese e luoghi di culto

Santuario di S. Giuseppina Bakhita e Mostra permanente

via A. Fusinato 51, Schio

Descrizione

La chiesa della Sacra Famiglia, tempio dell'Istituto Canossiano, è una delle più recenti tra quelle costruite in città in età preconciliare. La sua costruzione iniziò nel 1850, quando una processione cittadina portò la prima pietra benedetta dall'arciprete mons. Gaetano Greselin sul terreno donato dalla benefattrice Chiara Dalla Piazza.

Il progetto fu di Bartolomeo Folladore, ma per la mancanza di fondi i lavori furono interrotti per molti anni, tanto che si conclusero solo nel 1901. La costruzione della chiesa fu determinata dall'insediamento in città della Congregazione delle Figlie della Carità Canossiane (1864) su impulso di mons. Alessandro Garbin.

La chiesa riprende il modello del Pantheon di Roma, riducendolo ad un terzo delle sue dimensioni; l'altezza della cupola è uguale al diametro dell’edificio. La facciata è rimasta incompleta rispetto al progetto originario, che prevedeva un prònao mai costruito.

Quattro grandi archi uguali scandiscono l'interno, avvolto in una luce diffusa proveniente dal lucernario circolare al centro della cupola: uno guarda verso l'ingresso, quello opposto si apre nel presbiterio, nel quale si trova l'elegante altar maggiore; gli altri due ospitano gli altari minori dedicati all'Addolorata e a santa Maddalena di Canossa (1774-1835), fondatrice della congregazione delle Canossiane e dedita all'educazione delle ragazze povere e all'assistenza ospedaliera.

La cupola è sorretta da sedici colonne corinzie abbinate a quattro nicchioni sormontati da altrettanti dipinti monocromatici di Giuseppe Mincato, collegati all'intitolazione della chiesa.

Nel presbiterio, in un'urna di bronzo e vetro, sono conservate le spoglie di santa Giuseppina Bakhita, suora Canossiana di origine sudanese, morta a Schio l'8 febbraio 1947 e beatificata il 17 maggio 1992. In occasione della canonizzazione della Santa, avvenuta il primo ottobre del 2000, la chiesa fu accuratamente restaurata.

Annessi all’edificio sacro si trovano il convento delle suore Canossiane e un'esposizione che raccoglie testimonianze sulla vita di santa Giuseppina Bakhita


LET THE OPPRESSED GO FREE di Timothy Schmalz

La scultura "Let the Oppressed Go Free" è stata realizzata dall’artista canadese Timothy Schmalz ed evoca la figura di Santa Giuseppina Bakhita con l’intento di sensibilizzare l’opinione pubblica sul fenomeno del traffico di esseri umani. È stata installata nei pressi della Chiesa di San Francesco e benedetta dal Cardinale di Stato Vaticano, Pietro Parolin il 29 giugno 2023.

 

Link utili per saperne di più: 

Correlati

Chiese e luoghi di culto
Ex Monastero Agostiniane

Monastero femminile che viene eretto nel 1492 grazie ad un...

Chiese e luoghi di culto
Chiesa Santa Maria in Valle

Chiamata così perchè situata tra due colli, quello del Castello...

Nelle vicinanze

Shopping
Tabaccheria Corradin

Tabaccheria Corradin

Shopping
Quì Virgola

Quì Virgola

Shopping
Stella Più

Stella Più

Gelaterie
Vaniglia e Cioccolato

Gelateria

Shopping
Farmacia Marchesini

Farmacia Marchesini

INFO UTILI
INDICAZIONI STRADALI VEDI SU MAPPA VEDI PUNTI DI INTERESSE SALVATI

ORARI
Santuario: 6.30 - 8.00 e 9.00 - 11.30 / 15.00-18.30
Mostra aperta 9.00-11.30 e 15.30-18.00

Dal 22 luglio al 14 agosto le visite saranno sospese nel pomeriggio

GIORNI DI CHIUSURA SANTUARIO E MOSTRA
Lunedì, Natale, Capodanno, Triduo Pasquale e Pasqua.

Prenotazione obbligatoria per gruppi compilando il modulo cliccando QUI


EVENTO IN EVIDENZA
In corso
Promozione
Festival Fuoribosco 2024

Natura, Musica, Poesia, Scienza

Data Evento
Inizio: 29 giu 15:00
Fine: 18 ago 18:00
SCHIO,